Direzione regionale Lazio

Dichiarazione di successione

Ai sensi dell’art. 62 primo comma del Decreto Legge 17 marzo 2020 n. 18 i termini per la presentazione della dichiarazione di successione sono sospesi dall’ 8 marzo 2020 sino al 31 maggio 2020.

Resta fermo l’obbligo per i professionisti di trasmette le dichiarazioni di successione telematiche per i propri clienti tramite i canali telematici dell’Agenzia; per l’invio delle dichiarazioni integrative, modificative e sostitutive di una precedente dichiarazione presentata in ufficio in modalità cartacea (mod. 4) i professionisti dovranno utilizzare esclusivamente il canale PEC.

Il chiamato all’eredità che decide comunque di presentare la dichiarazione deve inviarla telematicamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Fisconline).

In caso di impossibilità di trasmissione della dichiarazione di successione telematica o nei casi di dichiarazione integrativa di una precedente dichiarazione presentata in ufficio in modalità cartacea (mod. 4) è possibile presentare la dichiarazione e i relativi allegati inviando un’e-mail o una PEC all’indirizzo dell’Ufficio competente in base all’ultima residenza del defunto.

Il messaggio di posta elettronica deve contenere:

  • il modello di dichiarazione di successione (modello telematico e mod. 4), conforme a quello approvato, debitamente compilato e sottoscritto;
  • la documentazione a supporto necessaria (es. copia del testamento pubblicato o estremi di registrazione, altra documentazione richiesta nelle istruzioni fascicolo 1 e fascicolo 2 per la compilazione del modello);
  • File docdichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (24.50 KB), resa ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000, di essere in possesso degli originali dei documenti e delle dichiarazioni necessarie nonché della conformità a questi delle immagini inviate e contenente l’impegno a depositare in Ufficio la documentazione in originale una volta terminato il periodo emergenziale);
  • copia del documento di identità di chi presenta la dichiarazione;
  • copia del modello F24 di pagamento dei tributi dovuti in autoliquidazione o dell’apposito modello, debitamente sottoscritto, di addebito su conto corrente bancario o postale delle somme dovute.

E’ comunque possibile l’invio della dichiarazione e della documentazione sopra indicata attraverso raccomandata per la cui data di presentazione farà fede il giorno di consegna all’ufficio postale.